“Carrier is a XXth
century invention.
I don’t want one”
Christopher McCandless,
Into the wild

 

 

 

Sono nata nel 1966 a Brescia, città dove oggi risiedo, a due passi dal centro storico.
Sono cresciuta in un paese – esperire la dimensione della piccola comunità è stato decisivo per comprendere l’importanza delle relazioni e dell’impegno civico e insieme sviluppare il desiderio di guardare cosa c’è “oltre il confine”.

Mi piace viaggiare, ho viaggiato per motivi di studio e di lavoro (e per passione), con soggiorni più lunghi in Inghilterra e in Olanda, paesi che amo e con cui mantengo contatti professionali.
Dopo il liceo classico, durante l’università frequentata a Milano negli anni ’90, è nata la mia passione per la “questione ambientale”, che mi ha portato all’impegno nel WWF, ad una tesi in diritto internazionale dell’ambiente e al Master in Environmental Management.
Anche dopo anni di lavoro nel campo della responsabilità e della qualità sociale, continuo a pensare che sia la questione nodale per il nostro futuro.

Dopo il Master, dal 1997 al 2007, ho vissuto a Milano. Sono stati anni fecondi per la crescita professionale.
L’incontro con un gruppo di operatori sociali, che stava affrontando il tema del bilancio sociale e della qualità sociale e ambientale delle organizzazioni, ha condotto alla costituzione, nel 2001, della cooperativa Pares, di cui sono stata socia fondatrice e presidente fino al 2004.
In quegli anni abbiamo ideato e realizzato progetti di ricerca formazione e consulenza per e con operatori pubblici e del settore non profit di tutta Italia e con legami particolarmente significativi in Friuli Venezia – Giulia, Marche, Piemonte, Toscana, Sardegna e Sicilia. Essere promotori o partner di progetti finanziati dall’Unione Europea ci ha permesso di confrontarci con esperti di non profit e di responsabilità sociale di altri paesi europei (tra cui Belgio, Francia, Inghilterra, Polonia, Slovenia e Svezia…)

Nel 2004, dopo la nascita di mia figlia, ho deciso di limitare l’ambito tematico e geografico del mio lavoro.
Da quell’anno e fino al 2008 ho collaborato con Seneca, società di consulenza e formazione sui temi e gli strumenti della responsabilità sociale per banche, imprese, enti pubblici e organizzazioni non profit.
Mi sono occupata in particolar modo di organizzazioni non profit e delle amminsitrazioni pubbliche, anche in partnership con l’Istituto  per la  ricerca sociale di Milano.

Da sempre vicina al loro approccio alla rendicontazione sociale, che la colloca nel solco delle riforme utili a riconnettere mercato compatibilità ambientale e utilità sociale, nel 2005 mi sono associata al Centre for Social and Environmental Accounting Research, centro di ricerca ospitato nell’università scozzese di St. Andrews cui partecipano ricercatori e consulenti di tutto il mondo. Dal 2007 mi occupo, insieme al collega inglese Martin Thomas, del comitato che tesse rapporti tra accademici e consulenti, tra ricerca e pratica.

Nel 2009 – ripercorrendo a ritroso il percorso compiuto dai miei genitori – ho scelto di tornare a vivere e a lavorare a Brescia, mantenendo una “finestra sul mondo” attraverso l’appartenenza a network internazionali.
Dopo un breve periodo come free – lance, ora ho una collaborazione stabile con il consorzio di cooperative sociali SOLCO Brescia.
Pur nel faticoso equilibrio tra famiglia e lavoro, cerco di partecipare attivamente alla vita della scuola e del quartiere…